Home page Puglia Imperiale Turismo italianoenglishdeutschfrançaisespañol češtinadanskελληνικάeesti keelsuomimagyarlietuviu kalbalatviešu valodamaltinederlandspolskiportuguêsslovenčinaslovenščinasvenskaromânăбългарски 日本語 (japanese)русский язык简体中文 (chinese)
Home page Puglia Imperiale Turismo Home Page  chi siamo  magazine  contatti  area stampa  links  stl   
  feed rss e gadget  mappa del sito  cerca   
Dimensione del carattereCarattere standardCarattere piccoloCarattere medio
Aggiungi a my.pugliaimperiale.com AGGIUNGI A MY.PUGLIAIMPERIALE.COM
Cosa Fare Pianifica il tuo viaggio Multimedia
La storia
Il territorio
Le città
Tesori dell'arte e della storia
Itinerari
La strada di Federico II in Puglia
Trani t'incanta - Week end a Trani.
Quattro passi in Puglia Imperiale
Alla scoperta del misterioso popolo degli Ipogei
Itinerario del Gusto lungo le Strade del Vino e dell'Olio
Terra di Grandi Battaglie
Tesori venuti dal mare
L’Archeologia preistorica
Mare, saline e Zone Umide
Le Murge
Nella valle dell'Ofanto: il Treno dell'Archeologia
 
   
Tu sei Qui: Home > Dove Andare > Itinerari > Nella valle dell'Ofanto: il Treno dell'Archeologia
Versione stampabileVersione stampabile Nella valle dell'Ofanto: il Treno dell'Archeologia
Invia tramite emailInvia tramite email
Itinerario Archeologico Itinerario Archeologico
Nella valle dell'Ofanto: il Treno dell'Archeologia
Il treno dell'archeologia corre sulle rotaie della ferrovia da Barletta a Spinazzola, quel serpeggiante tratto di binario lungo una settantina di chilometri costruito verso  fine Ottocento per collegare l’alta Murgia alle grandi linee di comunicazione attraverso la valle dell’Ofanto, che costeggia nella parte terminale fino all’Adriatico.
Toccando Canosa di Puglia verso Minervino Murge e Spinazzola per poi innestarsi sulle terre lucane, è un viaggio dove le suggestioni della storia si mescolano alle tradizioni, il folklore s’intona alla buona cucina ed all’ambiente in un paesaggio dove questo lembo di splendida campagna pugliese regala immagini da cartolina durante ogni stagione dell’anno. In appena nove minuti, immergendosi attraverso lussureggianti vigneti ed oliveti secolari, il treno dell’archeologia lascia Barletta per la stazioncina di Canne della Battaglia, unica struttura ferroviaria di tutta Italia dove turisti e passeggeri scendono direttamente non in un paese abitato ma nell’area archeologica di un sito di fama mondiale, segnata indelebilmente  dalle tracce del passaggio di Annibale il Cartaginese, che qui, nell’agosto del 216 Avanti Cristo durante la Seconda Guerra Punica, distrusse le legioni romane con la sua avvolgente manovra a tenaglia replicata dagli americani nella Guerra del Golfo nel 1991 contro Saddam Hussein. Una lezione di strategia e di geniale tattica militare tuttora insegnata in tutte le accademie militari del mondo.
Dallo sperone calcareo che domina il teatro naturale di quella sanguinosa disfatta nella pianura ofantina, Canne ( importante sede episcopale legata alla figura del Santo Vescovo Ruggiero) sovrasta tutto l’orizzonte fino al Gargano con la sua cittadella, ed è essa stessa lo spettacolo di un agglomerato urbano tuttora in fase di scavo, dove si allineano nell’Antiquarium reperti di civiltà che spaziano dal VI millennio prima di Cristo fino al XIII secolo. Dalla stazioncina si può proseguire verso l’antica fontana di San Ruggiero ed i vicini scavi di San Mercurio, sull’omonima collinetta, o presso il vicino menhir oppure recarsi nella zona dei Sepolcreti, dove le numerose testimonianze della presenza umana organizzata si concentrano nei resti dei villaggi protostorici ben documentati da pannelli didattici illustrativi e sussidi multimediali. (A cura di Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia – La Gazzetta dell'Archeologia on line - Trenitalia)

 
  TEMPO CONSIGLIATO:  
  1 Giorno  
  LIVELLO DI DIFFICOLTÀ:  
  Difficoltà BassaDifficoltà BassaDifficoltà BassaDifficoltà BassaDifficoltà Bassa  
Da visitare durante questo itinerario:
Parco Archeologico di Canne della Battaglia Barletta
Antiquarium di Canne della Battaglia Barletta
Museo Archeologico  Minervino Murge
Ospedale dei Templari Spinazzola
Rocca del Garagnone Spinazzola
Il Ponte Romano sull'Ofanto Canosa di Puglia
Le città da visitare:
Barletta
Canosa di Puglia
Minervino Murge
Spinazzola
   
 
Agenzia per l'Occupazione e lo Sviluppo dell'area Nord Barese Ofantina - s.c.a r.l.
Partita Iva 05215080721
Puglia Imperiale – Sede: Corso Cavour, 23 - Corato (BA) Italy
Tel. 080.4031933 - Fax 080.4032430
Unione Europea Ministero dell'Economia e delle Finanze Agenzia per l'Occupazione e lo sviluppo dell'area Nord Barese / Ofantina Regione Puglia Ente Nazionale Italiano per il Turismo Home Page
 
Credits
Termini di Utilizzo
Privacy Policy